Per uscire dalla solita “routine” carro-figurino-basetta, mi sono inventato questa piccola scenetta, nella quale si rappresenta un mini-sommergibile tedesco “Biber” caricato su un pianale di un rimorchio Sd.Ah 115, abbandonati sul ciglio di una strada e censiti a fine guerra dai reparti meccanizzati dei diversi eserciti delle forze alleate, come tanti altri mezzi distrutti.

 
 

 

MINI U-BOOT "BIBER" IN THE SD.AH 115 TRAILER

 

 

 

Kit di costruzione

Modello: Biber Modello:  Sd. Ah. 115
Data modello: 19xx Data modello:  2019
Azienda: Verlinden 810 Azienda: Das Werk DW35002
       
Scala: 1:35 Scala:  1:35
Accessori: Autocostruiti Accessori:  
Link a Scalemates

Mini Biber

Link a Scalemates

 

Sonderanhanger 115

Immagine:

 

Immagine:

 

 

 

 

Storia

Un sottomarino nano (chiamato anche mini sottomarino) è qualsiasi sottomarino di peso inferiore a 150 tonnellate, tipicamente gestito da un equipaggio di uno o due ma a volte fino a 6 o 9, con poca o nessuna sistemazione a bordo. Normalmente lavorano con navi madre, dalle quali vengono varate e recuperate e che forniscono alloggio all'equipaggio e al personale di supporto. In particolare Il Biber era un sottomarino nano tedesco della seconda guerra mondiale. Armato di due siluri o mine da 53 centimetri montati esternamente, erano destinati ad attaccare la navigazione costiera. Erano i più piccoli sottomarini nel Kriegsmarine

 

Il Tiefladeanhänger für Panzerkampfwagen 10t (Sd. Ah. 115) - semirimorchio a pianale per veicoli blindati - veniva utilizzato per il trasporto di veicoli blindati fino a un peso di 10 tonnellate. Era trainato da un camion da 9 tonnellate dei marchi Büssing-NAG e FAUN o da un m. Zgkw. 8t Sd. KFZ. 7. Il Sd. Ah. 115 è stato ufficialmente introdotto nell'aprile 1938.

 

Galleria immagini

  • 10
  • 12
  • 13
  • 14
  • 17
  • 2
  • 21
  • 22
  • 3
  • 32
  • 35
  • 36
  • 4
  • 42
  • 43
  • 44
  • 45
  • 47
  • 49
  • 51
  • 7
  • 9

 

Descrizione delle fasi della costruzione

 

Per uscire dalla solita “routine” carro-figurino-basetta, mi sono inventato questa piccola scenetta, nella quale si rappresenta un mini-sommergibile tedesco “Biber” caricato su un pianale di un rimorchio Sd.Ah 115, abbandonati sul ciglio di una strada e censiti a fine guerra dai reparti meccanizzati dei diversi eserciti delle forze alleate, come tanti altri mezzi distrutti.

Inizio dal modello in resina della Verlinden dei lontani anni 90, di cui ricostruisco il timone di coda con i relativi leveraggi e i supporti dei siluri. 

 

 

 

Il Siluro non presenta particolare problematiche, se non la paziente limatura e pulitura dalla materozza di sostegno, per cui, dopo un’accurata pulizia con sapone di lavastoviglie, passo alla colorazione.

COLORAZIONE

 Una parte di questi ordigni micidiali erano ricoperti di rame, imitato con il Tamiya XF-6, per poi riprodurne l’ossidazione caratteristica, il verde-rame per l’appunto, con una mix di colori della True Earth TESC2,TESC3,TESC8 che presentano la caratteristica capacità di miscelazione e di sfumature dei colori acrilici, ma con una asciugatura più lenta e quindi più lavorabili, come i colori ad olio.

 

 

La variazione cromatica dell’ossido l’ho ottenuta con l’ausilio di una spugnetta, mentre la ruggine con il prodotto True Earth TESF 06 Rebro Rust. 

 

 Ho reso poi l’effetto del metallo del corpo del siluro sempre con i prodotti True Earth TEFW10 Steel. 

 

 

 Sono poi passato alla colorazione del Biber, con una miscela di Tamiya XF-22+X-2 e qualche goccia di X-22.


 Prosegue poi la colorazione con l’effetto ruggine, con il set True Earth Rust SDW  

 

Ho poi affrontato la costruzione del trailer della Das Werk, perfetto in ogni sua parte, decidendo di proporre i due pneumatici posteriori danneggiati e consumati dal fuoco e costruendo i supporti di legno che dovranno sostenere il sommergibile. La colorazione procede dopo una mano di primer AK Grey.La colorazione di base con True Earth SDW Panzer Grey Ral7021, seguita dal solito set ruggine della True Earth.

 Il legno dei pianali è stato ottenuto con il set True Earth TESE22 Wood.

 

Ho contestualizzato il modello su una base ovale, dove ho preparato un ciglio stradale con l’aiuto di un foglio di carta vetrata medio-fine per l’effetto ruvido dell’asfalto, inserito in un fondo di pasta Das per il terreno erboso. Tutto dipinto con i True Earth SDW delle corrispondenti tonalità. Per armonizzare il tutto utilizzo le polveri strutturate della True Earth EARTH DIRT Set 1 e set 2.

 

 

   Una vecchia referenza Lead Sled Models | No. 35-05 di un figurino in metallo di un meccanico inglese, impreziosisce la scenetta, dipinto con i colori acrilici Vallejo.